logo-cpssf.png


Pensionamento parziale

  1. Un assicurato attivo può, sin dai 58 anni, chiedere di usufruire di una rendita di vecchiaia parziale, se il suo salario determinante annuale diminuisce di almeno il 20%. Il tasso di pensione corrisponde al rapporto tra la riduzione del salario annuale e il salario annuale prima della riduzione.
  2. In caso di pensionamento parziale, la rendita acquisita viene divisa in due parti, in base al tasso di pensione:
    • per la parte corrispondente al tasso di pensione, l'assicurato è considerato come un pensionato;
    • per l'altra parte, l'assicurato è considerato come un assicurato attivo; in questo caso, la soglia di entrata e l'importo di coordinazione vengono adeguati in base al tasso di pensione.
  3. Il pensionamento parziale è irrevocabile. L'assicurato non può chiedere il versamento di una pensione di vecchiaia parziale più di due volte.
  4. Le diverse possibilità di pensionamento parziale sono le seguenti:

    Percentuale di attività residua Tasso di pensione
    100 % 0 %
    80 % 20 %
    70 % 30 %
    60 % 40 %
    50 % 50 %
    40 % 60 %
    30 % 70 %
    20 % 80 %
    0 % 100 %

(Rif. : Articolo 28 del Regolamento di previdenza)

© copyright CPSSPh | Rue Pedro-Meylan 7, Casella postale 6124, 1211 Ginevra 6